01 May
01May

La fondazione di Roma deriva da più leggende. La prima: l'eroe Enea, scappato da Troia, si rifugiò nel Lazio deve sottomise le popolazioni e fondò Lavinio, dopo avere sposato Lavinia, figlia del re latino. La seconda: Il figlio di Enea, Julio, si stabilì sui monti albani dove fondò Alba Longa. La terza: il dio Marte ebbe due figli con la figlia del re Silvia di Alba Longa. Il re Amulio abbandonò i gemelli nel tevere. 


Come narra la leggenda, Roma fu fondata da Romolo e Remo, figli gemelli di Marte, il dio della guerra.Lasciati affogare in un cesto sul Tevere da un re della vicina Alba Longa e salvati da una lupa, i gemelli vissero per sconfiggere quel re e trovarono la loro città sulle rive del fiume nel 753 a.C.Dopo aver ucciso suo fratello, Romolo divenne il primo re di Roma, che prende il suo nome.Una linea di re sabini, latini ed etruschi (le precedenti civiltà italiane) si susseguirono in una successione non ereditaria.L’era di Roma come monarchia si concluse nel 509 a.C. con il rovesciamento del suo settimo re, Lucius Tarquinius Superbus (Tarquinio il Superbo), che gli storici antichi ritraevano come crudele e tirannico, rispetto ai suoi benevoli predecessori.

Commenti
* L'indirizzo e-mail non verrà pubblicato sul sito Web.